top of page
  • Immagine del redattoreFarmacia Giglioli

Gambe pesanti e stanche: alcuni consigli


Acne da mascherina: i rimedi al fastidioso problema.
Cause

Con l'avvicinarsi della bella stagione possono verificarsi alcuni disturbi a carico degli arti inferiori in particolare senso di stanchezza, intorpidimento e pesantezza alle gambe. Questi fastidi si presentano, o si acuiscono, a causa della vasodilatazione indotta dall'aumento delle temperature, ciò causa una maggiore difficoltà del sistema circolatorio nel riportare il sangue dagli arti inferiori al cuore. 
La manifestazione di questi disturbi è favorita dalla presenza di alcuni fattori predisponenti come l'ereditarietà, l'eccesso di peso, uno stile di vita sedentario, la cattiva alimentazione e gli squilibri ormonali che interessano particolarmente le donne.

Risulta quindi necessario adottare delle strategie per migliorare il più possibile il ritorno venoso. In particolare, è fondamentale stimolare la pompa muscolare praticando attività fisica e prediligendo le attività aerobiche a basso impatto che permettono di migliorare il ritorno venoso.


Ecco alcuni consigli:

Se si è impegnati in un’attività che costringe a stare a lungo in piedi un buon consiglio è quello di far lavorare le caviglie sollevandosi sulle punte mentre, se si rimane a lungo seduti, può essere utile una pedana poggiapiedi, evitare di accavallare le gambe e camminare quando possibile per riattivare la circolazione. Durante la giornata è utile inoltre sollevare le gambe al di sopra dell'altezza del cuore per almeno un quarto d'ora tre volte al giorno. Riposare con le gambe sollevate, inclinando il letto o sollevando il materasso in modo che le estremità inferiori rimangano sollevate di 15-20 centimetri.

Anche l'abbigliamento deve essere adatto, bisogna evitare vestiti troppo fascianti che ostacolano la circolazione mentre le calzature devono essere comode e seguire la curvatura naturale del piede. Un valido aiuto può essere costituito dall'utilizzo di calze a compressione graduata che sostengono la normale circolazione venosa.


Dal punto di vista nutrizionale risulta importante perdere i chili in eccesso e mangiare sano preferendo alimenti ricchi di fibre che aumentano il senso di sazietà e riducono il picco glicemico. Aumentare il consumo di alimenti ricchi di polifenoli (flavonoidi/antociani), antiossidanti che conferiscono colore rosso-viola agli ortaggi, essi agiscono sul tono e sull'elasticità dei vasi e dei capillari dando un effetto vaso protettore.

In generale, cercare di consumare una porzione ad ogni pasto di verdura cruda o cotta aumenta l'apporto vitaminico quotidiano specialmente di vitamina C e betacarotene (micronutrienti antinfiammatori).

Anche l'ananas può essere un valido alleato grazie al suo contenuto di bromelina, enzima che svolge attività antinfiammatoria e favorisce il drenaggio dei liquidi.

Un'altra strategia utile è aumentare l'apporto di omega-3 che sostengono il sistema cardiovascolare e aiutano a migliorare l'elasticità delle membrane, consumando pesce e frutta secca a guscio come noci nocciole e mandorle.

Anche l'idratazione è fondamentale soprattutto d'estate è necessario bere almeno 1,5-2 litri di liquidi al giorno aiutandosi anche con il consumo di tisane non zuccherate. Limitare gli alimenti ricchi di grassi saturi, di zuccheri semplici e l'assunzione di sodio. Ridurre il sale aggiunto nelle pietanze per insaporirle risulta fondamentale, si possono utilizzare in alternativa spezie ed erbe aromatiche. Evitare gli alcolici ricchi di calorie "vuote" che non apportano nutrienti utili all'organismo.


Validi alleati per alleviare i sintomi delle gambe gonfie e combattere la fragilità capillare sono i fitoterapici naturali. Applicati localmente, sotto forma di creme o gel per un sollievo immediato, oppure assunti per via sistemica, sotto forma di polvere o compresse, offrono all’organismo sostanze capillaroprotettrici a base di diosmina, di flavonoidi (oxerutina, troxerutina, mirtillina) o di composti tripterpenici (escina, ippocastano, centella) che aiutano a ridurre il gonfiore agendo sulla circolazione e, in particolare, sui capillari venosi, proteggendoli e rendendoli maggiormente elastici.



Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page